Autore Articoli

Settembre 21, 2019 alle 08:16

Guten morgen , mancano pochi giorni, a che punto siete? State bene?
Good morning, per noi mancano più giorni, vorrei che ne mancassero ancora di più per questioni fisiche, ma comunque il 13 ottobre saremo lì, poi quel che succederà lo vedremo. So che i miei compagni di viaggio sono in forma incredibile.
Buona domenica.

Settembre 21, 2019 alle 15:26

Buongiorno Pres
Ormai gli allenamenti sono giunti al termine e la tensione è sempre più alta
:bye: :bye: :bye: :bye: L’obbiettivo è di arrivare alla fine senza mai mollare sperom….
Mi dispiace per il tuo infortunio ma vedrai che riuscirai ugualmente a portarla a termine con onore!
In grosso in bocca al lupo a tutti!
:bye:

Settembre 21, 2019 alle 16:03

Guten Tag!
Seguendo i consigli dei contadini della zona, Io questa settimana “lascio il campo a maggese” sperando che il riposo dia buoni frutti. ;)
In realtà la preparazione di questa maratona è stata più faticosa del previsto, sia x quanto attiene gli allenamenti, che per tutto ciò che influisce sulla motivazione :cry: spero di riuscire a vedere la Porta di Brandeburgo prima di sera! :wacko: Meine freunde aus Berlin sono carichi e preparati…daranno grandi soddisfazioni :good:
Pres hai avuto una bella sf…ortuna con il ginocchio :cry: :cry: però mai dire mai, ci hai abituato a recuperi miracolosi :heart:
I tuoi compari…beh…un altro pianeta! Super 🔝 :yes:
Buona maratona a tutti! :yahoo:
E soprattutto lunga vita al Circolo!! :bye:

Settembre 22, 2019 alle 12:05

“Ich bin ein Berliner”

Settembre 22, 2019 alle 12:32

Forza forza andrà bene a tutti sicuramente, non pensateci molto, se vi siete allenati in risultato sicuramente arriverà. mi dispiace molto per te Pierangelo, per te triplo o di più forza, ma sembra una congruenza, non pensarci più di tanto lascia che le gambe vadano da sole, senza la forza del tuo pensiero, il resto verrà da solo. ma se i problemi si fanno sentire fai il turista, perchè la salute prima di tutto, ma lo sai sicuramente. un abbraccio :good:

Settembre 22, 2019 alle 14:56

Cristina farai sicuramente una grande maratona, sei stata brava a seguire tutti gli allenamenti anche quando la voglia veniva a mancare, e poi sei anche una testa dura :good: e questo aiuta molto.
Elisa, sai quanta stima ho di te, cuore e testa ti porteranno all’arrivo prima di quanto tu creda, devi solo crederci :heart:
Alessandro farai una buona maratona, devi solo seguire il tuo ritmo al tuo passo. Anche tu sei ben preparato. :good:
Maya, anche se dici di non essere troppo motivata, stupirai un’altra volta facendo una super maratona. :yes:
Ragazzi, godetevi ogni km…….. Buon divertimento :yahoo: :yahoo: :yahoo:

Settembre 22, 2019 alle 17:45

Grazie…quando mi raggiungerà la crisi è vorró mollare (perché arriverà, spero dopo il 30 esimo, ma arriverà :cry: ) cercherò di ricordare le vostre parole e tutto l’affetto che c’è dentro come una botta di energia fino al traguardo :heart:

Settembre 23, 2019 alle 08:22

Ultimi giorni e io ancora non ho i brividi allo stomaco, sarà una Maratona diversa, ma ci metterò sempre il Cuore .
P.s In questi momenti non c’è più niente che sia più importante della Salute .
Grazie a tutti .

Settembre 23, 2019 alle 14:53

DAI DAI DAI SONO SOLO 42 KM E POCO PIU :yahoo: ‘…LE MENATE SONO FINITE …ADESSO SI CORRE E PUNTO!!!! :yahoo: :yahoo: :yahoo: CONCENTRAZIONE :yahoo: :yahoo: :yahoo:

Settembre 30, 2019 alle 11:37

La maratona! Continuo a ripetermi e continuano a ripetermi di non provarci, ma dopo aver visto e letto le emozioni Berlinesi, come si fa a dirle di No, :scratch: :scratch: :scratch: :scratch:
A Berlino siete stati tutti fantastici, complimenti sinceri per la vostra maratona PERSONALE.

Settembre 30, 2019 alle 12:44

Ottime prestazioni, complimenti a tutti!

Settembre 30, 2019 alle 18:39

Bravissimi tutti. 4 PB, incredibile. Complimenti. A giovedi. :good: :good: :good: :good:

Settembre 30, 2019 alle 20:05

complimenti a tutti :good: :good: :good:

Settembre 30, 2019 alle 20:44

Complimenti a tutti, non avevo dubbi. :good: :good:

Ottobre 2, 2019 alle 10:11

Oh, ma qui nessun Berlinese che fa un bel racconto sulla trasferta????dai dai,stiamo aspettando forza…. :unsure:

Ottobre 2, 2019 alle 12:39

Complimenti a tutti i maratoneti.
Bravissimi !!!!

Ottobre 2, 2019 alle 22:05

Eccomi, sono sono molto brava nei racconti quindi sarò breve…
Era una settimana che avevo un dolore all’aduttore ma cercavo di non ascoltarlo, volevo fare bene questa maratona e nulla doveva impedirmelo.
Giovedì parlando con il saggio Minozzi mi sono confrontata sul passo da tenere, ed ho deciso che l’avrei terminata in 3.40
Sono partita molto carica decisa è concentrata, dovevo passare la mezza in 1.48 e l’ho fatto, stavo bene anzi benissimo non ero per nulla affaticata, avrei potuto osare ma avevo paura che il dolore aumentasse sempre di più così da non poterla finire come volevo io, quindi mi sono trattenuta e sono rimasta nella zona confort
Al 38 km era ancora brillante e felice sorridevo battevo le mani ai musicisti… una volta arrivata sotto la porta di Brandeburgo il viso si è bagnato di lacrime calde e alzando le braccia al cielo mi sono detta: ce l’hai fatta Cri hai portato a termine un’altra maratona!
Io credo che ognuno di noi debba essere fiero di se stesso a prescindere dal tempo fatto, perché non è da tutti impegnarsi per 3 mesi e superare crisi e delusioni!
Mi ero promessa che questa era la mia ultima maratona, ma cazzarola è proprio una droga…. a quando la prossima??
:heart:

Ottobre 3, 2019 alle 00:04

Saranno stati sufficienti gli allenamenti fatti? Avrá influito aver saltato la corsa di sabato scorso? Riusciró a gestire la testa questa volta? Riusciremo a trovare un pizza decente da mangiare sabato sera? Con questi e molti altri interrogativi si parte per Berlino. Il sabato passa tranquillo, ritiro del pettorale, la foto di rito davanti al banner ufficiale, la pizza in una pizzeria italiana e la ricerca smaniosa di ingannare la tensione, prima di andare a letto rigorosamente presto. Domenica mattina ovviamente sveglia molto presto, colazione, tappa sul wc, ritrovo al pullman fuori dall’albergo e in un battibaleno ci troviamo nel parco antistante il Reichstag; è prevista pioggia ma la temperatura è ottima non fa caldo e nemmeno troppo freddo, ci cambiamo, consegniamo le borse, ci baciamo ci salutiamo e ci incoraggiamo a vicenda, poi via in griglia tra mille pipì rigorosamente lontano dai wc chimici tanto amati da tutti e tanto odiati dagli italiani….. alle 9.15 partono i top, poi a seguire le onde prima della nostra ed alle 9.50 lo sparo ufficiale (per me), un bacio alla Cris e poi via testa bassa verso l’obiettivo. Questa volta ci accordiamo di non farci compagnia e così sotto il gonfiabile dello start ci salutiamo…..(mossa vincente per entrambi). I km passano veloci, la pioggia inizia quasi subito, ma non da fastidio anzi mi tiene compagnia, e senza accorgermi arrivo al 20^ km dove faccio il primo ristoro….. mi aiuta un sacco la frase che mi è stata ripetuta un sacco il sabato: “ricordati di sorridere”, ed allora spesso anzi molto spesso giù le braccia un bel respiro profondo e bam un bel sorriso stampato sul viso in faccia alle migliaia di crucchi festanti stipati ai bordi della strada…. al 26^ km sento una bellissima sensazione ed una voce che mi dice “dai che oggi ce la facciamo!”. A New York il 26^ era stato il momento del tracollo, qui invece è stato l’inizio della mia personale vittoria. I km passano, la pioggia aumenta ma ormai sono al ristoro del 30^ km, poi il passaggio ai 35, il ristoro al 38, comincio a superare tanta gente che cammina e mi dico “oggi no, oggi la finiamo bene” al 39 realizzo che mancano solo 9 giri di pista di Ciliverghe e allora via con l’ennesimo sorriso e mi ritrovo all’ultima curva a sinistra dove mi si presenta davanti lei: la famigerata porta di Brandeburgo; i miei amici che corrono forte mi hanno detto tutti “occhio che quando sei lì sotto manca ancora un bel pezzo”, ma non fa niente ormai vedo il traguardo, un bacio alla fede, un bacio al tatuaggio dei miei bambini, e un saluto speciale a chi mi aiutato da lassù, e poi braccia al cielo sotto al traguardo con il tricolore attaccato all’orologio che sventola fiero come me. Lacrime tante lacrime dopo il traguardo, giustificate dal fatto che per la prima volta da quando corro mi sono sentito “bravo”. Concludendo devo fare mille complimenti e ringraziamenti alle Charlie’s Angels che mi hanno accompagnato, sono state davvero delle super top ognuna a proprio modo. Ed un ringraziamento anche ai due accompagnatori che uno per la condivisione dei 2,5 lt di birra la domenica sera, e l’altro con le sue battute del tipo “fidec se l’è alt l’acquedotto de Berlino” (guardandola torre della TV) mi hanno fatto passare un ottimo week-end. Adesso ovviamente si pensa alla prossima, senza fretta senza ansia ma adesso capisco quando mi dicevate che una volta iniziato non si puó più farne a meno. Scusate la lungaggine ma questa volta per me è stata davvero una grande emozione ed era giusto condividerla con voi…..

Ottobre 3, 2019 alle 09:05

Cuore o tabelle :scratch: , cos’e correre e finire una maratona se non sempre una sfida con se stessi con i propri limiti e capacità, grande emozione che chi corre non può non mettere nel bagaglio della vita! Bravissimi maratoneti eppoi tutti tornati a casa con il PB ma sopratutto con il sorriso nel:heart:

Ottobre 3, 2019 alle 09:07

Due estremi: sabato uscendo dall’expo tutti a mugugnare che davvero è l’ultima maratona, poi basta, non è alla mia portata, troppo impegno….. Lunedì in attesa di un volo ovviamente in ritardo tutti a progettare la prossima maratona, si ma quali sono le major in primavera? No perché basta preparazione al caldo!
Due antipodi, polo nord e polo sud che racchiudono un mondo di emozioni, di dubbi, di fatica, di soddisfazione, di km corsi -domenica- e di km camminati -in visita-, di sostegno reciproco, di compagnia e risate ….
Sono stata fedele all’obiettivo di gara fino al 31esimo km più o meno…poi ad un ristoro (li ho fatti tutti Pier ;) ) ho perso il pace delle 4:30, ha cominciato ad infastidirmi un dolore crescente al polpaccio dx, temendo un crampo che mi avrebbe fermata ho rallentato fino a camminare…al 35esimo un tentativo di abbattimento emotivo per l’obiettivo sfumato, rientrato velocemente grazie all’idea che avrei fatto meglio nella prossima maratona :wacko:
Ed ho tagliato il traguardo felice. Sorridente. Soddisfatta (lo so Minozzi che tu non sei tanto contento…andrà meglio la prox! :yes: )
Come ho già raccontato a qualcuno se New York è stata la maratona “contro”, contro i miei limiti, contro i miei acciacchi, contro chi non credeva in questa mia possibilità, contro tante personali situazioni difficili, quella di Berlino è stata la maratona “a favore”, nel rispetto dei miei limiti e delle mie patologie, accompagnata dal pensiero solo delle persone che sono state e sono positive per la mia vita, nutrita per ogni km ( alla fine ho fatto 1/2 km in più :wacko: ) dal sentirmi benedetta dalla vita, pensando che davvero ci sono tanti e tante che avrebbero voluto essere al mio posto a faticare ma che per i motivi più svariati non hanno potuto o non sono non sono riusciti. Non è per fare la volpe con l’uva, ma al di là del risultato sono davvero felice ( come non ricordavo in una corsa) e soddisfatta di questa maratona :heart: